Studi sulla Marijuana medica

cannabis-medicinal

Un fatto, quest’ultimo, che lo colpì profondamente e che lo portò a scrivere un ulteriore articolo, anche perché senza mettere etichette non verrebbe rimborsato e molti medici e terapisti si troverebbero senza lavoro se la marijuana venisse abilitata.

La prevalenza della schizofrenia è dell’1% in tutto il mondo e in tutte le culture ma nessuno ha mai provato scientificamente una correlazione con l’uso di cannabis; c’è da puntualizzare se mai che il consumo in età precoce di marijuana può agire come fattore scatenante della schizofrenia tanto quanto un evento traumatico in una personalità non ancora formata.

Come disse Emerson, un erbaccia è una singola pianta le cui virtù sono ancora da scoprire, quindi, da questa rappresentazione, la cannabis non dicono che sia una pianta infestante, eppure dal momento che è stata ampiamente studiata e utilizzata per migliaia di anni maniera una vasta gamma marijuana condizioni di salute, dovrebbe essere considerata e rispettata come erba medicinale ed alimentare.

In definitiva, la politica intorno all’accesso ancora oggi cannabis e la cosa vera sulle sue proprietà medicinali, sono così pesantemente una singola questione politicizzata che non sarà certo la scienza stessa a prevalere sulla lente distorta dei media di come la Cannabis sian una ‘droga pericolosa’ e, certamente, non saranno le restrittive leggi verso farne diminuire il suo possesso e uso.

Infatti, il dominante sistema medico-farmacologico, non riconosce nemmeno le capacità di guarigione del corpo, optando per una e che guarda alla massima sofferenza corporea, come fatalista, principalmente su base genetica e derivante dan una disfunzione, nella progettazione meccanica di un ‘sacchetto altamente entropico di enzimi e proteine’, il quale è destinata a reggere lungo la traiettoria del tempo.

L’Associazione Medica Americana fu una tra le poche organizzazioni che fece sentire la sua opposizione all’Atto dell’Imposta sulla Marijuana del 1937, ma ancora oggi la maggior parte dei medici sembra avere moderatamente interesse riguardo ad essa ed il loro silenzio è spesso menzionato da coloro che sono particolari affinché la marijuana rimangano un farmaco proibito.

Uno dei più grandi pregi della marijuana come medicina sta nell’essere notevolmente sicura. Guidato da industriali, razzisti e media delle forze dell’ordine hype il pubblico risponde con isteria di massa sui pericoli della marijuana per la società.