coltivazione cannabis 9 marzo

La vera storia della cannabis” sarà una singola serie di tre articoli dedicata allo sviluppo ed agli usi della canapa nella storia antica, passando per quella moderna, arrivando a quella contemporanea. Il testo prosegue con l’esposizione di altri eventi cannabinici occorsi nel corso di un secolo, con particolare riferimento all’ambiente medico, sino a giungere alla legge Mussolini-Oviglio del 1923, che rappresenta il primo atto repressivo nei confronti della cannabis osservando la Italia, e alle prime coltivazioni italiane della pianta negli anni ’30 successo questo secolo.
Chi vuole LE DROGHE libere (la cannabis è considerato solo il cavallo vittoria Troia del resto, come dimostrano bene gli smart shops italiani di certi anno fa, dove in aggiunta ai semi di mariuhana si vendevano kit e terreni di coltura inoculati per gli psylocibe, semi di cactacee mescaliniche, salvia divinorum sia foglia secca che estratti liquidi concentrati, ecc…), lo fa every lo sballo, per andare via di testa, per vedere le allucinazioni mentali ad occhi chiusi, per estraniarsi dalla realtà ed rifugiarsi in un mondo di pensieri e vittoria visioni che ha parecchio di più del delirante che dell’onirico.
Ho diverse richieste da parte dei pazienti ogni settimana per informazioni sull’uso della cannabis per differenti disturbi, come il sconvolgimento cronico, ma più spesso per l’ insonnia Avvengono stato sorpreso dal volume di pazienti che stanno già usando la cannabis per l’insonnia, attraverso il programma di marijuana medica sponsorizzato dallo stato per il mercato illecito che esiste ancora.
In La penisola abbiamo avuto una acuto tradizione agro-industriale legata alla canapa se pensiamo quale fino agli anni ’30 del secolo scorso eravamo i secondi produttori al mondo per quantità, dietro alla Russia, e i primi per la ottima fattura del prodotto.
Dal 100 d. C. fu ritrovato hashish, composto dal polline della pianta femmina della canapa, gli studiosi arabi ne studiarono i suoi effetti e i suoi pro e contro, e ben rapidamente si diffuse in tutta l’Arabia e nel Medio Oriente, dove fumare hashish divenne molto diffuso.
mandarin haze agli anni ’30 del 900, c’è condizione il cambiamento: mentre da un lato era rinato l’interesse per questa pianta (tanto che Henry Ford progettò un’automobile costruita interamente con la canapa e alimentata con il biocarburante da essa derivato); dall’altro il petrolio si impuntava per divenire la risorsa che avrebbe ridefinito l’intero strategia economico e ci aggiungerei anche sociale e culturale.
La Toscana, le Marche e la Liguria hanno già dato il canale libera all’utilizzo di rimedi farmacologici cannabinoidied è nato in Italia anche in Cannabis Social Club i i quali componenti hanno organizzato coltivazioni di canapa esclusivamente every uso terapeutico.
Gli operatori si danno appuntamento a Roma per Canapa Mundi, fiera internazionale della canapa (16-18 febbraio al PalaCavicchi), quale quest’anno punta soprattutto sull’alimentare: vino e gelati, ma anche specialità siciliane in quale modo arancine e cannoli per base di marijuana.
Il quadro legislativo della cannabis si sta trasformando a livello internazionale e dobbiamo approfittare di questa ondata normativa, a cui si aggiungono sempre più paesi e Stati, al fine di smontare i miti costruiti attorno a questa pianta Solo con una singola informazione veritiera e comprovata, potremmo essere coscienti dei rischi che comporta l’abuso della cannabis.
In Italia, nel 1973 Stampa Alternativa ed il Partito Radicale organizzano il congresso internazionale Libertà e Droga, con la partecipazione di Adriano Traversi, vicepresidente UNESCO, Daniel Bovet, Premio Nobel per la Medicina e Giancarlo Arnao, medico e ricercatore, che curerà di lì verso poco la pubblicazione successo Droghe e Marijuana, preventivamente opera italiana che fornisce le informazioni necessarie all’avvio di un civile e aperto dibattito.
In quegli anni il magnate dell’automobile Henry Ford costruì un prototipo successo automobile (la cosiddetta Ford Hemp Body Car 25 ) dove parte ancora oggi carrozzeria era realizzata in fibra di canapa rendendo l’auto a maggior ragione leggera tuttora media delle auto allora diffuse.

Perfino il catalogo della Mr. Nice Seeds offre un’ampia varietà di incroci vittoria questa varietà e la Flying Dutchmen vanta la sua propria versione diffida “The Pure”, oltre ad altri numerosi ibridi ottenuti dalla Skunk #1 (seguendo le orme delle due precedenti banche del seme).